[opalhotel_reservation_form layout=”horizontal” display_childrens=”yes”]

Cultura: arte, monumenti e patrimonio culturale tra i più importanti d'Italia

L’Abruzzo è una terra ideale per passare una splendida vacanza all’insegna di arte, cultura, natura, tradizione del territorio e relax.

In tutta la regione si possono trovare tracce di epoche passate, qui i Romani e i Piceni hanno lasciato numerosi segni del loro passaggio e dei loro insediamenti. Castelli, villaggi, abbazie, eremi, fortezze, il visitatore ha l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda che cosa scoprire e dove andare a visitare luoghi affascinanti e pieni di storia e arte.
In Abruzzo si possono scorgere numerosissimi castelli che sorgono sparsi in tutto il territorio e che sono la testimonianza di secoli di storia. Sicuramente da non perdere è il castello di Vasto, edificato su un’altura affinché si potesse sorvegliare chi arrivava dalla costa. Anche interessante è il castello Medici a Capestrano, in provincia dell’Aquila, in cui è possibile osservare i resti dell’antico ponte levatoio e il massiccio torrione a prisma.
Per chi invece volesse andare nei musei per scoprire tutte le opere medioevali trovate sul territorio, quelli più importanti e famosi si trovano a Chieti (Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo), Pescara, Sulmona e Picciano. Notevole è anche il museo Antiquarium di Castrum Truentinum in cui sono raccolti i reperti archeologici risalenti alle epoche della tarda età del bronzo e dell’età del ferro.
Castel Manfrino, in provincia di Teramo, offre una vera e propria esperienza come sito archeologico. Questo è un vero e proprio gioiello dell’architettura medioevale militare, immerso nel verde dei boschi su un’altura. Questo castello porta il visitatore indietro nel tempo, all’epoca medioevale. E’ possibile visitare i suoi ruderi attraverso passerelle in legno e acciaio.

Per tutti coloro che sono interessati alle arti e i mestieri tradizionali, l’Abruzzo certamente spicca per la sua ceramica e per i lavori di pelletteria.

Il borgo di Castelli è una località da visitare per la sua storia, la sua posizione privilegiata come uno dei punti d’accesso al Parco Nazionale del Gran Sasso, e anche per scoprire l’arte ceramica, uno dei mestieri di origini antichissime. Conosciuto già nel 1600 grazie alla qualità delle sue maioliche, di colori vivaci e all’innovazione dei sistemi produttivi, il borgo di Castelli divenne presto celebre per la sua arte famosa in tutta Italia. Inoltre a Castelli si trova anche la chiesa di San Donato a Castelli, definita da Carlo Levi come la Cappella Sistina della maiolica.
E’ impossibile per il turista non rimanere colpito dall’immensa testimonianza storica che l’Abruzzo offre ai suoi visitatori. Per gli appassionati di arte sono presenti moltissime chiese edificate secondo stili differenti: Barocco, Gotico, Neoclassico, Romanico, Rinascimentale,… qui non resta che osservare la grandezza di queste costruzioni diventate patrimonio culturale dell’Italia.

Il Santuario della Madonna dello Splendore, in provincia di Teramo, a pochi passi dal mare, è uno dei luoghi più visitati e apprezzati dai turisti. La Chiesa di Santa Maria a Vico invece risulta l’unico monumento dell’intero Abruzzo anteriore al mille giunto ai giorni nostri quasi completo. All’interno della chiesa si poteva trovare un affresco di notevole pregio, si pensa alla Madonna in trono con bambino, ma purtroppo a causa di un pessimo stato di conservazione, il tutto appare molto approssimativo. Risulta invece possibile ammirare la statua lignea policroma della Vergine con il bambino a Teramo nella chiesa della Madonna delle Grazie insieme all’interno della chiesa completamente affrescato.
La ricchezza che contraddistingue tutto il territorio dell’Abruzzo non si estingue nell’arte, nei monumenti, nelle chiese e nei borghi fortificarti, ma rimangono vive feste religiose, tradizionali, rassegne musicali, rievocazioni storiche, rassegne culturali e cinematografiche per non parlare poi di tutti quegli eventi legati all’enogastronia abruzzese. Particolare è la festa religiosa che si svolge a Cocullo in cui durante la processione, le persone portano in sfilata i rettili vivi. Imperdibile e di gran fascino è la festa popolare svolta ad Arsita nel mese di agosto, che ha come obiettivo il recupero e la valorizzazione dei canti della tradizione orale.

I visitatori non solo rimarranno entusiasti di questa terra ma verranno riportati indietro nel tempo grazie alle manifestazioni e alle tradizioni folkloristiche.

Per una vacanza di Puro relax!